top of page

CAPPELLANI OSPEDALI

hospital chaplaincy.jpg

"Ero malato e mi hai visitato .". Matteo 25:36

"O SIGNORE mio Dio, ti ho invocato aiuto e mi hai guarito "   Salmi 30:2

 

La cappellania ospedaliera si occupa principalmente dei malati, compresi i malati di mente, i morenti e gli inabili.

Gli esseri umani possono avere difficoltà a dare un senso alla sofferenza e alla malattia. Quando sperimentiamo malattia, dolore e disperazione, ci troviamo faccia a faccia con un mistero che non comprendiamo appieno. Quindi, siamo sfidati a rivalutare le nostre priorità nella vita.

Da un punto di vista cristiano, le esperienze di malattia e disperazione possono essere occasioni di crescita personale e un momento di unione ancora più profonda con Dio. La malattia e la disperazione possono metterci in contatto con la nostra stessa fragilità e sfidarci a trarre forza dalle risorse spirituali e pastorali dentro e intorno a noi. È qui che entra in gioco il ruolo del cappellano.

I cappellani includono quattro aree principali della pastorale nel loro ministero. Sono:

  • Guida

  • Sostenere

  • Riconciliare

  • Guarigione

Guiding significa dare consigli e aiutare le persone a esplorare le domande che pongono. Quando le persone sono malate spesso fanno domande sul significato di molte cose nella loro vita. A volte ci sono spesso decisioni difficili da prendere sulla loro salute o sul loro futuro. A volte ci sono domande di fede sulla morte, il perdono, ecc.

Le persone spesso hanno bisogno di qualcuno che li sustain li sostenga; una persona che li ascolterà.

Una persona può aver bisogno reconciliation con se stessa, con Dio o con la famiglia. Ancora una volta, ascoltare, guidare e pregare con le persone può aiutare a iniziare i processi di riconciliazione.

Il cappellano può creare un clima emotivo di pace in modo che il corpo possa svolgere il proprio lavoro in modo più efficace. Un cappellano può aiutare le persone ad aprire nuove possibilità nella loro vita in modo che possano ricevere forza da Dio e dalle altre persone.

Australia e Nuova Zelanda

In Australia e Nuova Zelanda sono stati condotti alcuni piccoli casi di studio sul ruolo e sul lavoro dei cappellani ospedalieri. Alcune ricerche descrittive di base che esplorano le "fonti di soddisfazione e stress" tra i cappellani degli ospedali della Nuova Zelanda (NZ) hanno notato che la principale fonte di stress per i cappellani era quella di "trasportare un carico pesante di troppi pazienti" (Tisch, 1997). Altre ricerche hanno esplorato il coinvolgimento del personale della cappellania neozelandese nell'aiutare i pazienti, le famiglie e il personale a prendere decisioni bioetiche (Carey, Aroni, Gronlund, 1998). Questa ricerca è ancora in corso. Finora, tuttavia, non sono state pubblicate ricerche empiriche in Nuova Zelanda per valutare e valutare in modo incrociato i ruoli della cappellania con il tipo di istituto o tipo di pastorale per particolari pazienti (ad esempio, pazienti anziani). Il "Consiglio inter-ecclesiale sulla cappellania ospedaliera" neozelandese sta attualmente esplorando la possibilità di condurre ricerche empiriche tra il suo personale di cappellano a contratto.

La ricerca "AUS.CUR" condotta presso l'RCH Melbourne (menzionata in precedenza) ha esplorato il ruolo dei cappellani simile a quello del "Pastoral Care Survey" statunitense (Carey, 1972). La ricerca 'AUS.CUR' ha tuttavia incluso non solo infermieri e medici, ma tutti i professionisti sanitari alleati per un totale di circa 390 intervistati (Carey, Aroni, Edwards, 1997). Questa ricerca ha rilevato che la maggior parte del personale clinico ha affermato che tutti i ruoli dei cappellani ospedalieri sono appropriati all'interno di un ambiente medico, ma ha sottolineato che è necessario estendere il ruolo dei cappellani in termini di:


(i) aumentare il loro profilo pubblico oltre gli stereotipi tradizionali, (ii) assistere il personale con un lavoro di squadra più produttivo,
(iii) avere un maggiore contributo sui comitati etici e sul processo decisionale etico,
(iv) essere più schietti nella presentazione personale e
(v) aumentare il numero dei cappellani per il rapporto pazienti/personale.
Un'ulteriore questione derivante dai dati derivati da interviste approfondite con il personale, è stata la necessità di una "cappellania ambulatoriale" e di visite domiciliari da parte dei cappellani, consentendo così un'assistenza pastorale di follow-up per i pazienti dimessi di recente o prematuramente. Il concetto di "infermiere parrocchiali" e cappellani che lavorano insieme è attualmente allo studio anche per considerare un tale ministero (Van Loon, Carey & Newell, In Press 2000).

 

Anche altre ricerche australiane hanno iniziato a notare l'importante contributo dei cappellani. I risultati preliminari della ricerca "Trapianto di fegato e cura pastorale", condotta all'interno di tre ospedali australiani in diversi stati (Queensland, New South Wales e Victoria), hanno suggerito che dove i cappellani tengono contatti e riuniscono pazienti, parenti e membri del personale, i pazienti sono più contenuti e vengono scaricati a un ritmo più veloce che altrimenti (Elliot & Carey, 1996). Questa ricerca non è stata ancora completata. Se i risultati sono pienamente motivati, il risparmio sui costi di avere una cappellania e servizi pastorali efficaci potrebbe essere molto vantaggioso per tutti gli interessati e contribuirebbe chiaramente a dimostrare l'efficienza in termini di costi della cappellania ospedaliera (Carey & Newell, 1999).

La ricerca pilota della Westmead Brain Injury Rehabilitation Unit e Pastoral Care Department (Irlanda, Carey, et al, 1999) che ha intervistato pazienti, parenti e visitatori per un periodo di 12 mesi ha indicato che "indipendentemente dal sesso, dall'età, dallo stato della categoria o dal credo religioso la maggior parte degli intervistati ha ritenuto che i servizi di cappellania forniti fossero "molto buoni" o "buoni" (96,3%)". Anche la ricerca pilota condotta presso la struttura di assistenza agli anziani 'OLOC' nel New South Wales, suggerisce allo stesso modo che la maggior parte dei pazienti era molto favorevole alla fornitura di servizi di cura pastorale (Mulder & Carey, 1999). Tuttavia, come indicato da tale ricerca pilota, c'è una lunga strada da percorrere per la ricerca della cappellania sanitaria in termini di protocolli di ricerca, metodo, costruzione e test di strumenti misurabili sia descrittivi che sperimentali.

Attualmente è in corso un progetto di ricerca nazionale sotto gli auspici della Scuola di Sanità Pubblica, Università La Trobe, sul coinvolgimento dei cappellani nel processo decisionale bioetico. Questa ricerca descrittiva, che coinvolge oltre 400 cappellani in Australia e Nuova Zelanda, esplorerà questioni che riguardano sia i pazienti acuti che il personale di assistenza agli anziani come il "ritiro del supporto vitale" (WLS), "non per la rianimazione" o "non rianimare gli ordini" (NFR / DNR) ed 'eutanasia'. Il progetto doveva essere completato nel 2000 o nel 2001. Come per altre ricerche di cappellani, il progresso è ostacolato dalla mancanza di fondi.

bottom of page